Twitter, dovevo farmelo mancare?

Son mesi che ci penso, e non mi ero mai deciso ad iscrivermi. Alla fine ho ceduto ed ho aperto pure io un account su twitter.

Questo è il link al mio profilo: click.

Non riuscivo a capire l’utilità di un servizio come twitter, postare messaggi brevi che senso avesse.
Ragionandoci sopra ho capito perchè facendo i paragoni con facebook.

Con facebook tu parli con i tuoi amici, i tuoi amici, chi hai invitato tu e chi vuoi tu leggono cosa scrivi e tu rispondi a loro. Prima di parlare con una persona la devi far diventare amica, un po’ come il tuo orticello.
Con twitter la cosa cambia radicalmente: i tuoi tweet vengono letti da chiunque, non deve essere per forza tuo amico, e agli estermi potrebbe anche capitare che un tuo tweet venga letto da Kobe Bryant, posso leggere cosa fa Kobe, e rispondere direttamente a lui. Me la fa sentire vicino, umano anche se mai lo incontrerò mai.

Dal piccolo orticello di facebook, si va verso la piazza del mondo di twitter. Proviamoci e vediamo che succede.

Per ora ho installato sul mio cell l’app per gestire i twit direttamente dal cell, il widget sul blog, ed altre cosucce che scoprirò con il tempo.