RaspberryPI, impostare un ip statico.

Lo so che lo sanno tutti, lo so che siete tutti dei gran smanettoni, ma per chi come me che ne sa poco, fare questa semplice operazioni correttamente non è poi così scontato.

Di cosa si tratta?

Nella maggior parte dei casi, quando attacchi alla tua rete casalinga un qualsiasi dispositivo, che sia via ethernet (cavo) che via WiFi, questo riceve un IP dinamico che gli viene associato per tutto il tempo in cui l’apparato è collegato alla tua rete.

Questo vuol dire che se ci si collega in tempi diversi, lo stesso apparato può vedersi assegnato dal router o dall’hotspot di casa, un indirizzo IP diverso.

Quando l’apparato in questione è un RaspberryPI che controlli via rete, risulta essere complicato andare a recuperare l’ip assegnato tutte le volte.

Per questo motivo risulta utile impostare sul raspberry un ip fisso che lo caratterizzerà in tutte le connessioni alla rete in oggetto. In questo modo avremo la certezza che digitando quell’indirizzo ci riferiremo sempre a lui.

Quale IP è disponibile?

Visto che di default il raspberry riceverà un ip valido dal router, tanto vale usare questo ip come ip fisso.

Per farlo occorre scoprire quale è, e per farlo basta digitare il comando:

sudo ifconfig

ottenendo come risultato il seguente:


eth0      Link encap:Ethernet  HWaddr b8:27:eb:cc:bc:fd
          inet addr:192.168.1.17  Bcast:192.168.1.255  Mask:255.255.255.0
          UP BROADCAST RUNNING MULTICAST  MTU:1500  Metric:1
          RX packets:973 errors:0 dropped:0 overruns:0 frame:0
          TX packets:806 errors:0 dropped:0 overruns:0 carrier:0
          collisions:0 txqueuelen:1000
          RX bytes:73277 (71.5 KiB)  TX bytes:67934 (66.3 KiB)

Il valore che ci interessa è quello indicato dal campo inet addr, che in questo caso è:

192.168.1.17 

Quindi questo sarà l’indirizzo statico che daremo al nostro raspberry.

Ora che abbiamo tutte le informazioni possiamo andare a modificare il file interfaces che si trova in /etc/network/, quindi scriviamo:

cd /etc/network

Facciamo una copia di sicurezza di interfaces in modo da poterlo ripristinare in qualsiasi momento.

sudo cp interfaces interfaces.backup

Ora apriamo interfaces con l’editor di testo nano:

sudo nano interfaces

Il file di default dovrebbe essere come questo:

auto lo

iface lo inet loopback
iface eth0 inet dhcp

allow-hotplug wlan0
iface wlan0 inet manual
wpa-roam /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf
iface default inet dhcp

Prima cosa da fare è aggiungere il carattere # all’inizio della riga “iface eth0 inet dhcp“, questo la farà diventare un commento e verrà ignorata.
Quindi subito sotto aggiungiamo le seguenti righe:

auto eth0
iface eth0 inet static

Di seguito aggiungiamo nell’ordine l’indirizzo IP del Raspberry Pi, l’indirizzo del router ed infine la maschera, come segue:

address 192.168.1.17
gateway 192.168.1.1
netmask 255.255.255.0

Alla fine il vostro file dovrebbe somigliare a questo:

auto lo

iface lo inet loopback
#iface eth0 inet dhcp
auto eth0
iface eth0 inet static
address 192.168.1.17
gateway 192.168.1.1
netmask 255.255.255.0

allow-hotplug wlan0
iface wlan0 inet manual
wpa-roam /etc/wpa_supplicant/wpa_supplicant.conf
iface default inet dhcp

Salviamo premendo i tasti Ctrl + o, premiamo il tasto Invio per confermare il nome del file, quindi usciamo dall’editor con Ctrl + x.
Ora riavviamo il Raspberry Pi scrivendo

sudo reboot

Se non avete fatto errori ora l’indirizzo IP sarà quello da voi impostato.
Verifichiamo se la connessione ad internet funziona provando con il comando ping sul sito di Google o qualunque altro indirizzo valido.

ping www.google.com

Il risultato deve essere qualcosa del genere:

PING www.google.com (173.194.113.83) 56(84) bytes of data.
64 bytes from fra02s21-in-f19.1e100.net (173.194.113.83): icmp_req=1 ttl=55 time=59.2 ms
64 bytes from fra02s21-in-f19.1e100.net (173.194.113.83): icmp_req=2 ttl=55 time=83.5 ms
64 bytes from fra02s21-in-f19.1e100.net (173.194.113.83): icmp_req=3 ttl=55 time=173 ms
64 bytes from fra02s21-in-f19.1e100.net (173.194.113.83): icmp_req=4 ttl=55 time=132 ms
64 bytes from fra02s21-in-f19.1e100.net (173.194.113.83): icmp_req=5 ttl=55 time=1028 ms
^C64 bytes from fra02s21-in-f19.1e100.net (173.194.113.83): icmp_req=6 ttl=55 time=688 ms

Fermatelo premendo Ctrl + c.
Da questo momento in poi, il vostro raspberry,  sarà sempre raggiungibile a questo indirizzo 192.168.1.17 nella vostra rete.